come pulire gli insetti dai fari dell'auto

Gli insetti sono una seccatura, soprattutto se pungono. A dire il vero danno fastidio anche quando si depositano sui fari, ma attenzione! Per pulire gli insetti dai fari dell’auto bisogna usare il sistema giusto.

In realtà, mosche e zanzare non compromettono il fascio luminoso dei fari, a meno di non incontrare sciami di proporzioni bibliche… Gli insetti si eliminano più per motivi estetici, ma spesso si utilizza il sistema sbagliato, con risultati poco felici. Molti metodi di pulizia, infatti, oltre ad eliminare gli insetti rimuovono parte del rivestimento dell’ottica. I sistemi più dannosi usati per pulire gli insetti dai fari dell’auto sono le macchine idropulitrici e, malgrado il nome, le spugne anti-moscerini.

È utile sapere che in passato queste spugne servivano a pulire il vetro, quindi possono essere utilizzate per il parabrezza, ma non per i fari moderni, che di solito sono fatti di policarbonato con un sottile rivestimento protettivo.

Rivestimento che deve essere trattato con delicatezza: le comuni spugne anti-moscerini o altri sistemi più aggressivi graffiano e rendono opaca la superficie, compromettendo l’estetica dei fari e l’efficacia del fascio luminoso.

Meglio togliere gli insetti con una spugna o un panno morbido, magari in microfibra. Come detergente, si può usare lo shampoo per auto o il detersivo liquido per piatti insieme a molta acqua. Gli insetti contengono chitina, una delle sostanze organiche più dure, talmente dura da intaccare le spazzole tergicristallo più rapidamente del ghiaccio.

Oltre ai prodotti giusti, per togliere gli insetti serve un po’ di pazienza. Bisogna impregnare bene zanzare e moscerini, lasciare agire l’acqua e il detergente e, dopo alcuni minuti, asciugare.

come pulire gli insetti dai fari dell'auto
Quando si puliscono i fari, occorre fare attenzione a non usare sistemi aggressivi.

I vantaggi della “doccia”

Se l’auto è dotata di impianto lavafari, non è il caso di preoccuparsi: il sistema elimina gli insetti con un paio di getti d’acqua correttamente direzionati. Tuttavia, poiché serve il detergente, bisogna stare attenti a usare il prodotto giusto.

In primavera e d’estate, quando le temperature aumentano, il liquido antigelo può creare problemi, perché è talmente volatile da evaporare prima di fare effetto. Per rendersene conto, basta osservare il parabrezza.

Quindi è il caso di aggiungere un additivo speciale; in commercio se ne trovano molti, ma è la qualità che fa la differenza, dunque acquistare un prodotto economico non rappresenta un vero risparmio. Sembra infatti che alcuni additivi low cost consumino il rivestimento protettivo dei fari. Ecco perché nei laboratori dei produttori di fari si trovano solo i prodotti dei marchi affidabili. Costano un po’ più della media, ma molto meno di un paio di fari nuovi.

Commento a questo articolo

*Campi obbligatori